La Salute Mentale Come Bene Comune e Risorsa Sociale

Pieghevole Ver.Bene Casa Ciociara Della Cultura (pdf)

Successo per il convegno di Ver.Bene.
La sala gremita, persone in piedi, allievi infermieri, operatori sociali, medici, psicologi, cittadini insieme agli ospiti delle comunità terapeutiche e familiari.
Il cambio di programma legato alle assenze, per causa maggiore, di Ferrauti e Pellecchia, non ha inficiato la qualità dell’iniziativa. Mgrazia Fanfarillo, presidentessa di Ver.Bene, è stata il trait d’union tra gli interventi di persone con competenze diverse, ma tutte ugualmente appassionate al tema e sensibilissime rispetto alle difficoltà di coloro che soffrono di disagio psichico e dei loro familiari.

L’on. Casati ha regalato il racconto di come si è appassionato al tema della salute mentale sino ad avere l’esigenza di stilare una legge ad hoc, l’avvocato Del Giudice ha esposto una breve storia delle leggi sulla salute mentale fino a Basaglia, il dott Morabito e la dott.ssa Monti hanno espresso la loro idea di cura della persona, Giovanni Fiori e la stessa Mgrazia Fanfarillo hanno portato l’esperienza dei familiari esperti e competenti che agiscono insieme agli operaori. L’atmosfera calda, solidale a tratti commossa ha favorito la possibilità di alcuni presenti di narrare un pezzetto delle loro storie personali: vivere a fianco di un padre con Alzheimer, essere una paziente giovane, intelligente, vitale e creativa ma che ha anche vissuto l’esperienza della contenzione fisica.

Ver.Bene è orgogliosa del suo lavoro…..

Dipendenze

FAVOREVOLE ALLA LEGALIZZAZIONE

Si sono favorevole alla legalizzazione…ma perché??

E’ semplice perché è la natura stessa che ci ha fatto questi doni quindi perché privarsene??

L’uomo è abituato a servirsi di tutto ciò che il mondo animale e vegetale hanno da offrirci come se Continua a Leggere…

Pensieri sulla Politica

Magari potessi scegliere tra la destra e la sinistra…purtroppo credo di vivere in un periodo storico in cui tutti gli ideali sono morti…Siamo reduci e figli di un epoca che ha creduto di poter risolvere i problemi dell umanità con una manciata di ideali che si sono dimostrati fallimentari…e da una parte e dall altra. Il Capitalismo ha fagocitato tutto Continua a Leggere…

Il Giovane Holden

La parola amore…

Amore con la lettera maiuscola è una parola bellissima che ci porta a parlare dell’aspetto psicologico delle persone, aspetto impalpabile ma importantissimo, che parla di sentimento nei suoi molteplici aspetti: amore per la natura, amore per le persone con cui entriamo in contatto nella vita, amore per i genitori, per i fratelli e sorelle, amori per gli amici, per i figli, per la famiglia, per gli animali, amore verso una persona dell’altro sesso che ci fa palpitare il cuore perché lo senti vicino nel modo di vedere e pensare, che ti fa sentire forte Continua a Leggere…

L’Amore

Cosa dire dell’amore?

Se non che è l’essenza prima e ultima di ogni uomo. Ho letto una frase l’altro giorno sull’amore che mi ha colpito molto e vorrei condividerla con voi ed è questa: ”due cose portano alla follia: l’amore e la sua mancanza”. Credo che queste parole esprimano perfettamente gli effetti devastanti dell’amore sulla nostra vita. L’amore Continua a Leggere…

L’Amicizia

La forma di amore che preferisco è l’amore amicale. Fin da bambina amavo molto stare con i miei amici. In famiglia ero sempre triste, nervosa e percepivo un caos affettivo notevole e invece, quando ero con i miei amici riuscivo subito a stare meglio. Questa cosa è durata tutta la vita. Anche quando ho avuto i miei periodi bui, mi bastava uscire di casa Continua a Leggere…

L’infanzia

L’infanzia è un argomento che mi appassiona, con tutto quello che lo riguarda. Mi divertono i cartoni animati, la letteratura per l’infanzia, i film di saghe come quella di Harry Potter; amo moltissimo il gioco e i giocattoli. E mi sento arricchita quando sono con i bambini. L’anno scorso, al doposcuola della parrocchia, ho conosciuto una bambina nigeriana di nome Diana Continua a Leggere…

Parlo di me

Mi chiamo Teresa, sono nata il giorno 7 del mese di febbraio 1964 alle cinque e mezzo di mattina. I miei vagiti erano così forti che i miei genitori, che avevano tanto desiderato il maschio, dopo la delusione della prima figlia femmina, cedettero che il loro desiderio si fosse avverato. E così era cominciata la mia lotta per i miei diritti di donna in questo mondo. E’ stata dura, Continua a Leggere…