Arcobaleno di parole

I rimpianti

Gli unici 2 miei rimpianti sono quello di non aver continuato a frequentare l’università e un anno quando mi avevano proposto di fare l’accompagnatrice turistica e io per timore di sbagliare non ho accettato.

(ANONIMO)


Rifletto

Se mi viene in mente la situazione lavorativa in cui mi trovo oggi a 34 anni non mi vedo proiettato verso un futuro roseo perché il lavoro per me significa appagamento fisico mentale ed economico senza pensare al risvolto che un lavoro degno di essere chiamato tale può dare

(ANONIMO)


Sto riflettendo

Riflettere in questo momento storico è un arte che sta scomparendo.

Se non si ha più tempo da concedersi per comprendere in quale direzione debba andare la nostra esistenza.

Ci si perde dietro il nichilismo che la società ci impone; poiché ci si concentra sempre su ciò che la società reputa più idoneo per la collettività annullando l’identità personale.

Per comprendere ciò basta farsi una semplice domanda: quando sono stato davvero felice? O la felicità di chi mi circonda è diventata la mia? Qualunque sia la risposta converrete che non si ha più il tempo per porsi queste semplici domande. Ed è il tempo che dobbiamo riscoprire come valore se ci si vuole rendere veramente conto a che punto siamo sul piano esistenziale e in quale direzione dobbiamo andare.

(ANONIMO)


Alcune Persone

Alcune persone son come stelle

Stelle cadute in mezzo a noi:

sono persone che ho conosciuto, solo di rado, nel mio cammino

e quando le incontri ti cambia la vita.

E quando le incontri tu danza con loro,

e la tristezza se ne andrà,

e scoprirai cose nuove,

scoprirai i tuoi perché,

non di meno i tuoi talenti che ti legano alle stelle …

Una riscoperta del tuo mistero

DANIELE


Una ragazza…

Una ragazza andava in bicicletta quando la bellezza del cielo la sconvolse al tramonto ricordandole il suo amore perduto. Lui era un uomo affascinante. La rendeva completa in tutti i sensi. C’era una vera corrispondenza tra le loro anime. Ma al calar del sole la tristezza le catturò il cuore trascinandola nell’oblio più profondo.

CALYPSO


Il cielo

Il cielo è di una bellezza che nessuna ragazza in bicicletta può immaginare. E’ simile all’amore per Dio.

MARISA


Cambio sesso

Se cambiassi sesso e diventassi un ragazzo non farei mai soffrire una ragazza

(ANONIMO)


Vincita Super Enalotto

Con la vincita al Super Enalotto io farei una molteplicità di viaggi poi mi comprerei una casa sul livello del mare con anche una piscina e un maneggio per cavalli e vivere in serenità e tranquillità con la persona che amo.

(ANONIMO)


Approccio con una ragazza/o

Con una ragazza bisogna andarci molto con cautela e delicatezza, le donne sono come i fiori. Io mi approccio con un ragazzo chiedendo l’ora, mi faccio però tutta rossa in viso.

(ANONIMO)


E’ affascinante…

E’ affascinante pensare alla tristezza dell’oblio in cui si raggiunge la massima corrispondenza di un’esistenza solitaria. E’ il completo risveglio di una coscienza sopita.

DAVIDE


Mi piacerebbe…

Mi piacerebbe tanto parlare di me: come la penso in ogni situazione e in ogni contesto, per potermi far conoscere meglio; ma non sempre è possibile perché mi sento troppo spesso soffocata dal giudizio degli altri che riescono quasi sempre a far prevalere il loro modo di vedere e di valutare influenzando fortemente e negativamente la mia autostima.

M.A.M.


Sono anni…

Sono anni che la mia psicoterapeuta mi invita a provare ad uscire di casa e frequentare ragazze della mia età che condividono le mie stesse passioni. Ma io avevo paura: paura degli sconosciuti; paura di uscire di casa, paura del confronto; ansia  trascorrevo il mio tempo chiusa in una stanza a piangere rannicchiata su me stessa. Devo ammetterlo: sono venuta qui per non dare l’ennesima delusione ai miei genitori, non ne ero affatto convinta ed invece… invece mi sono trovata benissimo; ho ripreso a scrivere, cosa che non facevo dalla maturità e passione che ho sempre avuto. Giulio e gli altri ragazzi sono fantastici, mi fanno sentire a mio agio e sono stati il primo spiraglio di apertura verso il mondo. Mi piacerebbe che durasse il più a lungo possibile perché in questa sede mi sento sicura nello scrivere che come ho già detto è la mia passione. Mi piacerebbe concludere questa esperienza riuscendo a pubblicare sul blog almeno uno dei miei scritti.

(ANONIMO)


Fu lì che la vidi…

In una delle mie escursioni in bicicletta…

In una delle mie escursioni in bicicletta, mi è capitato di vedere una bella ragazza che faceva jogging, lei mi saluta e io rifaccio altrettanto, nel mentre durante la pausa per riprender fiato contemplavo la bellezza di un cielo azzurro e pensavo, ma chi è? Ci conosciamo o forse sarà perché condividiamo l’amore per il movimento?

Affascinante, tristezza, oblio, corrispondenza completo.

EMILIANO


La Nazionale di Calcio

Pochi mesi fa la nostra amata nazionale di calcio guidata da Giampero Ventura perde il play off contro la Svezia, ci siamo arrivati dopo aver conquistato il secondo posto nel girone, e dire che prima della partita di ritorno contro la nazionale spagnola andavamo abbastanza bene, e invece Ventura non hol capito che cavolo voleva dimostrare mettendo un 4-2-4 con soli due centrocampisti, dico io, vai a giocare là in casa loro che sapevi già che avevano già un tasso tecnico più elevato del nostro, vai in inferiorità numerica a centrocampo contro quelli che a centrocampo giocavano con 5 centrocampisti (Busquets; Isco, Koke, Iniesta, David Silva) e noi con solo De Rossi e Verratti, ma come si fa, la frittata è normale che era fatta.. da quella sconfitta Ventura non ci ha capito più una mazza, vedi alcuni pareggi contro squadre che all’andata avevamo battuto.

Arriviamo agli spareggi, esultavo perché tutto sommato ci era andata bene, visto gli squadroni che potevano capitarci (Portogallo ad esempio)

Arrivano le due partite, una schifezza l’andata, anche se hanno segnato gli svedesi su una deviazione del cavolo e al ritorno non ne parliamo, anche se un po’ di grinta almeno a San Siro ce l’hanno messa.

E da lì tutto il pandemonio che ne è nato, in federcalcio e sulla panchina.

Adesso siamo senza CT, almeno abbiamo un commissario che si chiama Fabbricini che ce lo porterà Mancini, Ancelotti, Conte, chissà….

EMILIANO


Mix…

Le tracce di oggi, a dire la verità, per me sono tutti argomenti che mi avrebbero stimolato molto quando ero giovane.  Adesso non sono incazzata: domino la mia rabbia lavorando per il sociale.

Se all’improvviso scoprissi di aver vinto la lotteria, non so proprio cosa farei, ora come ora.

Non sento che mi manca niente né a livello di avere né a livello affettivo.  Mi sento mostruosamente felice della mia vita così com’è.

Mi godo ogni istante.

Se una macchina del tempo potesse portarmi nella mia epoca storica preferita, sceglierei di vivere quella odierna, così come faccio.

Se mi svegliassi e scoprissi di aver cambiato sesso, continuerei ad essere la “persona” che sono.

(ANONIMO)


Appuntamento con un uomo se lui ha la casa libera?

CHE PALLA!

TERESA


Miscuglio…

Racconta se vuoi la vacanza più bella della tua vita.

La vacanza è stata quella di quinto superiore che faceva tappa Jesolo, Venezia, Nizza, Firenze in cui conobbi molte studentesse anche di altri istituti.

Fascismo/comunismo: seguo il programma elettorale…

Il giorno più bello o più brutto: quando mio padre iniziò ad insegnarmi a guidare ed il più brutto quando fui aggredito da un gruppo di bulli in un viottolo ed i miei amici non mi diedero una mano.

RUGGERO


Il mio cane…

Una grossa perdita per me è stata la morte del mio cane qualche anno fa’. Ero molto affezionato al mio cane perché era diventato quasi uno di famiglia e dalla sua morte non abbiamo più preso un’ altro animale. Il nome del mio cane era Kim.

(ANONIMO)

Posted in Arcobaleno di parole, Laboratorio di Scrittura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *